Fatti di rilievo avvenuti nell’esercizio

Banca IFIS, adottando un approccio di trasparenza e tempestività nella comunicazione al mercato, pubblica costantemente informazioni sui fatti di rilievo tramite comunicati stampa. Si rimanda alla sezione investor relator\comunicati stampa sul sito www.bancaifis.it per una completa lettura.

https://www.bancaifis.it/bancaifis/index.php/it/main/Investor-Relations/Comunicati-stampa

Di seguito si propone una sintesi dei fatti di maggior rilievo:

Vendita e riacquisto portafoglio titoli di Stato

Le dinamiche dei tassi di mercato registrate nel mese di aprile sui titoli governativi nel portafoglio della Banca, insieme a riflessioni sul costo del rifinanziamento del debito collateralizzato da tali titoli, hanno reso opportuno per la Banca procedere ad un’operazione di riassetto di parte del portafoglio titoli governativi italiani, rimasto invariato in termini dimensionali ma con scadenza media del portafoglio lievemente incrementata; la scadenza più remota risulta ora il 2020 (contro il 2018 prima delle operazioni); l’intero portafoglio è costituito da titoli a tasso variabile o a cedola indicizzata all’inflazione.
La vendita del portafoglio, realizzata nel mese di aprile, ha contribuito alla formazione dell’utile lordo del periodo per 124 milioni di euro.

La nuova unità di business: “Farmacie”

Il 17 giugno 2015 è stata lanciata sul mercato una nuova unità di business denominata “Farmacie”, integrata alla già esistente area “Banca IFIS Pharma”.

Obiettivo di tale unità supportare le esigenze di finanziamento a medio termine di oltre 15.000 farmacie distribuite su tutto il territorio nazionale attraverso un nuovo strumento: il finanziamento a medio termine finalizzato al supporto del debito di fornitura dedicato ad una clientela imprenditoriale retail, erogando credito ai titolari di farmacia a fronte delle loro esposizioni commerciali.

Grazie ad un know-how consolidato e una conoscenza approfondita del mercato, arricchita dall’ingresso di un team di professionisti che vantano una lunga esperienza nel settore, Banca IFIS unisce in questo ramo di business due forti specializzazioni: il finanziamento alle imprese, erogato grazie all’uso del factoring quale strumento di mitigazione del rischio di credito, e la presenza nel settore farmaceutico e sanitario di Banca IFIS Pharma, specializzata nelle soluzioni gestionali per le aziende interessate a cedere i propri crediti vantati verso il Sistema Sanitario Nazionale (SSN) e la PA.

Partecipazione pro-quota sostegno sistema bancario

L’impatto cumulato degli interventi di sostegno del sistema bancario per la soluzione delle crisi di Banca Marche, Banca Popolare dell’Etruria e del Lazio, CariChieti e Cassa di Risparmio di Ferrara (Direttiva 59/201/UE Single Resolution Fund) e di partecipazione al nuovo meccanismo di finanziamento del FITD introdotto dalla Direttiva 2014/49/UE in materia di sistemi di garanzia dei depositi (DGSD) è pari a 10,6 milioni di euro.

I contributi al Fondo di Risoluzione Nazionale i cui versamenti sono stati finora richiesti a Banca IFIS, comprensivi della contribuzione straordinaria, sono pari a complessivi 8,6 milioni di euro. A ciò si aggiungono circa 2 milioni di euro quale quota di contribuzione annuale per l’esercizio 2015 a favore del FITD.